Inizio pagina

Il 75% delle Svizzere e degli Svizzeri all’estero ha la doppia cittadinanza

Alla fine del 2021 più di una persona su dieci con cittadinanza svizzera viveva all’estero (in totale 788’000 persone). La quota della popolazione svizzera che vive fuori dal Paese è aumentata di un ulteriore 1,5% rispetto al 2020. In quasi due terzi dei casi il luogo di soggiorno è uno Stato europeo. Alcuni Paesi di destinazione hanno registrato aumenti significativi. È ciò che risulta dalla statistica 2021 sulle Svizzere e gli Svizzeri all’estero pubblicata all’inizio di aprile dall’Ufficio federale di statistica.

07.04.2022
Diversi diagrammi disposti in quattro colonne forniscono dettagli sulle cifre più importanti relative alle statistiche per l'anno 2021.

I dati relativi alle svizzere e svizzeri all’estero per l'anno 2021 riassunte in un grafico. © UFST

Caroline aveva 21 anni quando ha deciso di trasferirsi in Australia, nel 2007. Da allora non ha più vissuto nella terra delle sue origini, il Vallese. Questa giovane donna di Vétroz si è lasciata trasportare completamente dal modo di vivere e dal clima del Paese-continente dove ha costruito la sua esistenza. Eppure, all’inizio niente poteva far pensare che si sarebbe stabilita per sempre agli antipodi.

In un primo momento era andata a Perth per imparare l’inglese in un college internazionale. Il suo soggiorno doveva durare solo sei mesi e invece ormai sono passati 15 anni! «Non avevo alcun desiderio particolare di lasciare la Svizzera e vivere altrove. Mi sento ancora svizzera e sono felice che la Svizzera sia la mia casa. Ma a volte ci si lascia tentare da altri luoghi».

Come Caroline, altre 28’700 persone hanno scelto di lasciare la Svizzera nel 2021. Una tendenza costante da quasi 30 anni. Il saldo migratorio netto è negativo dal 1992. In concreto, ciò significa che il numero di Svizzere e Svizzeri che scelgono di partire è sempre più alto di quello di coloro che scelgono di rientrare. Solo nel 2020 questo trend ha subito un forte rallentamento a causa della situazione globale segnata dalla pandemia di COVID-19.

Curiosità: i Paesi dove vivono meno Svizzere e Svizzeri

1

In cinque località del mondo vive una sola persona svizzera registrata presso la rappresentanza competente: le isole Falkland, le Samoa americane, Niue, gli Stati federati di Micronesia e la Corea del Nord.

Zero

Wallis e Futuna, Nauru, Tuvalu e le Isole Marshall sono tra le regioni del mondo in cui non si registra la presenza di nessuna persona di cittadinanza svizzera. A queste si aggiunge il Turkmenistan.

19

In meno di 20 regioni del mondo vivono solo 10 (o meno di 10) cittadine e cittadini svizzeri. Nella maggior parte dei casi si tratta di isole dell’oceano Pacifico o dell’oceano Atlantico, ma si possono citare anche regioni e Stati più grandi e importanti tra cui Groenlandia, Guinea equatoriale, Guinea-Bissau, Gibuti, Eritrea, Lesotho e Suriname.

Aumentano le Svizzere e gli Svizzeri all’estero, ma anche le persone con più cittadinanze

Tra le 788’000 persone con cittadinanza svizzera registrate presso una rappresentanza svizzera competente all’estero, tre quarti hanno almeno un’altra cittadinanza. Il numero maggiore si conta nelle Americhe. In più della metà degli Stati americani la proporzione è pari o superiore al 75%. Le percentuali più alte (oltre il 90%) si registrano in Sud America, in particolare in Cile e Argentina.

Nel 2012 anche Caroline ha ottenuto la doppia cittadinanza. Una scelta legata al suo attaccamento sempre più forte al Paese che la ospita. «Avere la doppia cittadinanza è molto pratico, ma al di là dei vantaggi, è anche un modo per sentirsi un po’ più a casa». In Australia, più dell’80% delle cittadine e dei cittadini svizzeri ha almeno la doppia cittadinanza. L’Ufficio federale di statistica (UST) interpreta queste percentuali così elevate come un «riflesso della Svizzera multiculturale».

Un grafico a barre mostra le statistiche relative a diversi Paesi del mondo.
Percentuali di cittadine e cittadini svizzeri all’estero che possiedono più cittadinanze. © UST

Dal 2017 o oggi il numero di Svizzere e Svizzeri con più cittadinanze è aumentato del 5,3% in tutti i continenti. Si è registrata un’evoluzione positiva in Asia (+6,7%), Europa (+6,5%), Oceania (+4,8%) e America (+2,9%). Solo in Africa, nello stesso periodo, la percentuale è diminuita del 2,8%. La statistica mostra l’andamento del numero di Svizzere e Svizzeri all’estero; l’Africa è l’unico continente in cui dal 2020 si è registrata una diminuzione.

Europa in testa, seguita dalle Americhe

Rispetto al 2020, il numero di espatriate ed espatriati è aumentato in Europa (+2,2%), Asia (+0,7%), Oceania (+0,6%) e America (+0,2%), ed è diminuito in Africa (-0,6%).

La maggior parte delle nostre concittadine e dei nostri concittadini all’estero, il 64%, vive nel continente europeo. La comunità più grande risiede in Francia (203’900 persone). Seguono Germania (96’600), Italia (50’500), Regno Unito (38’900) e Spagna (25’100). In tutti questi Paesi si è registrata una crescita; l’aumento più alto si è avuto nel Regno Unito (+3,0%) e quello più basso in Italia (+0,8%). In Portogallo risiede una piccola comunità di Svizzere e Svizzeri (5400 persone), ma l’incremento registrato nel 2021 è stato uno dei più elevati tra i Paesi europei (+14,1%).

286’300 cittadine e cittadini svizzeri vivono negli altri continenti: 23,0% in America, 6,8% in Asia, 4,2% in Oceania e 2,4% in Africa. Le comunità più grandi al di fuori dell’Europa si trovano negli Stati Uniti, con 81’800 persone, seguiti da Canada (40’800), Australia (25’800) e Israele (22’100). Ovunque la tendenza è alla crescita, ma è in Israele che si registra l'incremento più marcato: +3,0% rispetto al 2020.

La Direzione consolare (DC) del DFAE offre diversi servizi alle cittadine e ai cittadini svizzeri residenti in tutto il mondo. Il suo servizio di consulenza fornisce informazioni generali sui soggiorni all’estero, l’emigrazione e il rientro in Svizzera.

La DC opera a stretto contatto con altri servizi federali, enti cantonali, autorità straniere e vari partner nazionali e internazionali. È responsabile infine del coordinamento all’interno dell’Amministrazione federale di tutte le questioni relative agli svizzeri all’estero.