Inizio pagina

La Svizzera presiede una rete che rafforza il ruolo delle donne nel promuovere la pace

La Svizzera si impegna per un ruolo attivo delle donne nella prevenzione dei conflitti e nei processi di pace e per il rispetto dei loro diritti. Uno strumento in tal senso è il Women Peace and Security Focal Points Network, a cui la Svizzera partecipa insieme ad altri 90 Paesi e organizzazioni. Nel 2022 la Svizzera presiede la rete con il Sudafrica. Quali sono gli obiettivi della copresidenza? Parola a Talia Wohl, rappresentante del nostro Paese nella rete.

La Svizzera e il Sudafrica hanno definito un logo per l’anno di copresidenza della Rete dei focal point Donne, pace e sicurezza. © DFAE

Il Women Peace and Security (WPS) Focal Point Network in breve: di cosa si tratta e quale ruolo svolge la Svizzera?

Talia Wohl, rappresentante della Svizzera presso il WPS Focal Points Network, risponde a queste domande in un video. Collaboratrice del DFAE, prima è stata attiva presso l’OSCE in qualità di esperta svizzera.

Consideriamo il lavoro della rete e cominciamo dal logo disegnato per la presidenza con il Sudafrica. Cosa rappresenta?

Il logo combina il fiore nazionale del Sudafrica e quello della Svizzera. La protea sudafricana e la stella alpina svizzera simboleggiano la forza e la diversità, entrambi valori cui si ispira la copresidenza. Il cerchio arancione al centro ricorda il logo del WPS Focal Point Network e riflette la continuità e l’unità d’intenti. La combinazione dei colori fa pensare anche alla bandiera dei due Paesi.

«Tradurre l’agenda Donne, pace e sicurezza in azione». Un obiettivo ambizioso per questo partenariato. Come intendete procedere?

Abbiamo definito due priorità: la partecipazione e la protezione. In particolare, vorremmo individuare insieme ai membri della rete misure volte a rafforzare entrambi i pilastri.

Lo scopo è promuovere la partecipazione equa ed effettiva delle donne nella prevenzione dei conflitti e nei processi di pace. Nello stesso tempo è necessario rafforzare e proteggere i loro diritti, per esempio con misure contro la violenza sessuale, la violenza di genere e la proliferazione di armi di piccolo calibro.

Durante la copresidenza sarà affrontato anche il tema del coinvolgimento della società civile, come partner nell’attuazione dell’agenda WPS o nella prevenzione dei conflitti e nei processi di pace.

Nel 2007 la Svizzera ha adottato un piano d’azione nazionale per l’attuazione della risoluzione ONU 1325 «Donne, pace e sicurezza». In che modo la rete può contribuire ulteriormente a questi obiettivi?

Il piano d’azione nazionale 1325 della Svizzera (PAN 1325) è stato già aggiornato tre volte e in stretta collaborazione con la società civile del nostro Paese. Nel PAN 1325 abbiamo stabilito obiettivi e misure concrete per promuovere la partecipazione effettiva delle donne ai processi di pace. Infatti, accade tuttora che nei negoziati ufficiali le delegazioni siano spesso guidate da uomini.

Tra il 2015 e il 2019, in occasione dei grandi processi di pace ufficiali, le donne hanno rappresentato in media il 14% dei negoziatori, il 7% dei firmatari e l’11% dei moderatori. Tra di loro ci sono anche donne svizzere che, in virtù del ruolo direttivo ricoperto, hanno potuto fornire un contributo fondamentale agli sforzi internazionali a favore della pace e della sicurezza. Si pensi per esempio alla segretaria di Stato per la migrazione Christine Schraner Burgener, inviata speciale dell’ONU in Myanmar dal 2018 al 2021, e all’ambasciatrice Heidi Grau, inviata speciale per l’Ucraina su mandato della presidenza OSCE per il periodo 2019-2021 e presidente del Gruppo di contatto trilaterale a Minsk.

I piani d’azione nazionali per l’attuazione della risoluzione 1325 dell’ONU sono uno strumento di cui gli Stati membri delle Nazioni Unite si avvalgono per promuovere l’intera agenda su donne, pace e sicurezza. La rete offre agli Stati e alle organizzazioni regionali partecipanti l’opportunità di imparare dalle molteplici esperienze, di contribuire ad arricchirle e di rafforzare l’agenda in collaborazione con la società civile. 

Il motto dell’anno di presidenza.
La Svizzera e il Sudafrica hanno definito un motto per quest’anno di copresidenza: «Cooperare per il cambiamento: tradurre l’agenda Donne, pace e sicurezza in azione». © DFAE

L’8 marzo 2021 la Svizzera ha fondato la rete «Swiss Women in Peace Processes» (SWiPP). Qual è il collegamento tra questa iniziativa e il WPS Focal Points Network?

Per rafforzare la partecipazione delle donne nei processi di pace è necessario un impegno attivo. Il networking tra gli attori nel campo della trasformazione dei conflitti e della mediazione è uno strumento per promuovere la partecipazione delle donne. Lo SWiPP è una piattaforma didattica e di dialogo rivolta alle donne che lavorano nella mediazione e nei processi di pace nell’ambito della diplomazia, della politica, della società civile e della scienza – a livello regionale, nazionale o internazionale. Questa rete è anche fonte di informazioni e spunti utili per il nostro lavoro nel WPS Focal Points Network.

Una copresidenza presuppone collaborazione e valori comuni. Come funziona questa collaborazione con il Sudafrica riguardo al WPS Focal Points Network?

Anche il Sudafrica si impegna ad attuare l’agenda su donne, pace e sicurezza. La sua partecipazione a diverse organizzazioni regionali nel continente africano permette a questo tema di avere una maggiore risonanza. La Svizzera e il Sudafrica condividono un know-how considerevole nella costruzione della pace. Entrambi i Paesi attribuiscono grande importanza alla mediazione come strumento di risoluzione dei conflitti e al dialogo in grado di coinvolgere tutte le parti interessate. Su questa base intratteniamo già da tempo buone relazioni bilaterali con il Sudafrica. La cooperazione permette ora a entrambi i Paesi di unire le loro forze per trattare la questione delle donne, della pace e della sicurezza come un tema prioritario a livello multilaterale.

Cosa prevede l’ordine del giorno nell’anno presidenziale?

Sono già stati pianificati tre incontri della rete WPS: il primo sarà il ­«capital-level meeting» del 18-19 maggio a Ginevra. Seguirà un incontro regionale il 30 e il 31 luglio a Pretoria. Un altro incontro dovrebbe tenersi nell’ambito della settimana ad alto livello dell’Assemblea generale dell’ONU a settembre. Inoltre, riunioni virtuali su scala più ridotta dedicate a temi specifici dell’agenda WPS promuoveranno il dialogo tra i focal points.