Mandati in qualità di potenza protettrice

La sezione di interessi della Svizzera a Teheran
La sezione di interessi della Svizzera a Teheran © DFAE

La tutela degli interessi di terzi rientra tra i «buoni uffici» della Svizzera. Dopo una fase di intensa attività durante la Seconda guerra mondiale, la Svizzera ha oggi ancora sei mandati come potenza protettrice.

In quanto potenza protettrice la Svizzera si assume una parte dei compiti consolari e/o diplomatici di due Stati terzi quando gli Stati in questione interrompono totalmente o parzialmente le loro relazioni. In tal modo permette loro di mantenere relazioni minime. La potenza protettrice offre inoltre protezione consolare ai cittadini di uno dei due Stati sul territorio dell’altro e viceversa.

La Svizzera può proporre direttamente agli Stati interessati di assumersi questa funzione di «portalettere» o può farlo su richiesta delle parti coinvolte; il presupposto fondamentale è che tutte le parti coinvolte siano d’accordo.

Iran in Egitto

Dal 1979 la Svizzera rappresenta gli interessi dell’Iran in Egitto.

USA in Iran

Dal 1980 la Svizzera rappresenta gli interessi degli USA in Iran. La cosiddetta sezione di interessi della Svizzera a Teheran sbriga tutti i compiti consolari degli USA nel Paese. Tra questi ultimi rientrano il trattamento delle richieste di rilascio del passaporto, modifiche dello stato civile o attività di protezione consolare a favore di cittadini e cittadine degli Stati Uniti.

Il mandato risale al periodo della crisi degli ostaggi (1980). Gli USA ruppero le relazioni diplomatiche dopo la trasformazione dell’Iran in una Repubblica islamica e l’occupazione della loro ambasciata a Teheran da parte degli studenti che presero in ostaggio i diplomatici statunitensi.

Russia e Georgia

La Svizzera ha assunto un mandato quale potenza protettrice per la Russia in Georgia dalla fine del 2008 e per la Georgia in Russia dall’inizio del 2009. Entrambi gli Stati si occupano delle questioni tecniche, amministrative e consolari in loco con personale proprio. Le sezioni di tutela degli interessi sono tuttavia sotto la protezione della Svizzera.

La Georgia ha interrotto le relazioni diplomatiche con la Russia dopo il conflitto dell’agosto 2008 e il riconoscimento da parte della Russia delle regioni separatiste dell’Abcasia e dell’Ossezia del Sud.

Iran e Arabia Saudita

La Svizzera tutela gli interessi dell’Iran in Arabia Saudita e gli interessi dell’Arabia Saudita in Iran. Alla fine di ottobre 2017 ha firmato con entrambi gli Stati trattati appositi. La tutela degli interessi riguarda i servizi consolari. 

L’Arabia Saudita ha interrotto le relazioni diplomatiche con l’Iran all’inizio di gennaio 2016.

Comunicato stampa, 25.10.2017 – Buoni uffici: la Svizzera assume i mandati di potenza protettrice per l’Iran in Arabia Saudita e per l’Arabia Saudita in Iran

USA e Cuba

Dal 1961 Iuglio 2015 la Svizzera ha rappresentato inoltre gli interessi degli USA a Cuba e, dal 1991, quelli di Cuba negli Stati Uniti.

Mandati della Svizzera come potenza protettrice per gli Stati Uniti e Cuba, dossier web

Tradizione secolare

La Svizzera ha iniziato a svolgere funzioni di potenza protettrice nel diciannovesimo secolo: durante la guerra franco-tedesca del 1870-1871 ha tutelato gli interessi del Regno di Baviera e del Granducato di Baden in Francia, ma ha assunto mandati in qualità di potenza protettrice anche durante la Prima guerra mondiale. Nel corso della Seconda guerra mondiale, grazie alla sua neutralità, è diventata la potenza protettrice per eccellenza rappresentando gli interessi di 35 Stati tramite più di 200 mandati singoli tra cui quelli di alcune delle grandi potenze coinvolte nella guerra. Tra il 1948 e il 1973 il numero di tali mandati ha oscillato tra 4 e 24.