Dipartimento federale degli affari esteri DFAE

Un attore privato svizzero mette a disposizione del FISA le proprie conoscenze specialistiche per raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile

La collaborazione con il settore privato è di fondamentale importanza per il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030. Per questo motivo la Svizzera aiuta anche le sue organizzazioni multilaterali prioritarie a ottenere una maggiore cooperazione con il settore privato. Dal suo lancio nel febbraio 2019 il Fondo ABC del FISA viene gestito da Bamboo Capital Partners, un investitore a impatto sociale (social impact investor) con sede a Ginevra. Il Fondo ABC permette ai piccoli agricoltori e alle aziende agricole di piccole e medie dimensioni di accedere al capitale, per consentire loro di crescere e di aumentare la propria produzione.

 Un produttore di cacao sparge semi di cacao su un telo di plastica per l’essiccazione.

Gli investimenti del Fondo ABC nella cooperativa di agricoltori Socak Katana in Costa d’Avorio migliora le qualità di vita di oltre 2700 produttori di cacao e delle loro famiglie. © Bamboo Capital Partners

In tutto il mondo, i piccoli agricoltori, ma anche le aziende agricole di piccole e medie dimensioni, che lavorano i loro prodotti per il mercato locale, fanno fatica ad accedere al capitale che permetta loro di crescere ed aumentare la propria produttività. Uno dei motivi principali risiede negli elevati rischi d’investimento legati a questo settore, che sono superiori alla media. Ecco perché vengono effettuati pochi investimenti privati nell’agricoltura e ancor meno nell’agricoltura dei piccoli agricoltori nei Paesi in via di sviluppo. Si stima che in Africa, Asia e America latina i piccoli agricoltori necessitino di circa 200 miliardi USD per incrementare la propria produzione. Una tale crescita migliorerebbe la sicurezza alimentare e la salute di milioni di persone e creerebbe posti di lavoro.

Inoltre, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, il numero di giovani alla ricerca di un lavoro è in costante aumento. Soltanto in Africa, sul mercato del lavoro vengono ad aggiungersi ogni anno da dieci a dodici milioni di giovani uomini e donne. Hanno bisogno di lavoro, di opportunità occupazionali e di un’alternativa alla migrazione.

Per incrementare la produttività, migliorare il reddito e le basi naturali della vita e soprattutto creare posti di lavoro – in particolare per i giovani e le donne–, gli investimenti nelle PMI rurali e nelle aziende agricole locali sono indispensabili.

Il Fondo ABC del FISA è gestito dall’attore privato

La collaborazione con il settore privato è di fondamentale importanza per il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030. Per questo motivo la Svizzera aiuta non solo le sue organizzazioni multilaterali prioritarie a ottenere una maggiore cooperazione con il settore privato, ma anche il Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo (FISA). In prima linea per far fronte a questo problema troviamo un attore svizzero, Bamboo Capital Partners, un investitore a impatto sociale con sede a Ginevra. In stretta collaborazione con il FISA, l’azienda gestisce l’Agricultural Business Capital Fond (Fondo ABC). Dal dicembre 2019 i piccoli agricoltori potranno ottenere per la prima volta capitale proveniente da questo fondo. Emanuele Santi, gestore del Fondo ABC di Bamboo Capital Partners, racconta di che cosa si tratta:

 Ritratto di Emanuele Santi
Emanuele Santi, gestore del Fondo ABC di Bamboo Capital Partners © Bamboo Capital Partners

Il Fondo ABC è un «impact fond» che offre un finanziamento agli attori del settore agricolo nei Paesi in via di sviluppo. Il fondo utilizza in primo luogo prestiti, ma anche partecipazioni al capitale per sostenere organizzazioni di agricoltori, PMI rurali e istituzioni finanziarie nei Paesi in via di sviluppo con redditi medi e bassi, selezionate con cura. Per ottenere un sostegno, le aziende agricole e le istituzioni locali devono garantire una crescita elevata e la creazione di posti di lavoro. Inoltre danno una spinta allo sviluppo sociale nei loro Comuni e Paesi.

«Dragon Farming»: investimenti in semi di soia

Un esempio concreto è il nostro investimento più recente nell’azienda «Dragon Farming» con sede in Ghana, che trasforma i semi grezzi di soia in farina di soia, soia grassa e olio di soia. «Dragon Farming» si è impegnata a offrire prodotti innovativi ed ecologicamente sostenibili per l’alimentazione di animali da reddito nel proprio Paese, ma anche oltre le frontiere.

Il prestito del Fondo ABC consente alla «Dragon Farming» di ampliare le proprie attività per soddisfare la domanda dei clienti e di aumentare la quantità di semi di soia acquistata presso le associazioni di contadini. Aumentando la quantità prodotta si permette a circa 14’000 piccoli agricoltori di vendere i loro semi grezzi di soia a questa azienda. Il prestito riduce i costi di produzione dell’azienda, aumentandone al contempo la redditività. L’investimento in questa azienda consente inoltre di aumentare il numero di persone occupate, donne comprese, grazie all’incremento della quantità di semi di soia da trasformare. Oltre al prestito, «Dragon Farming» ottiene anche un aiuto tecnico che mira a rafforzare ulteriormente la sua strategia, lo sviluppo aziendale e i processi di produzione.

Un’agenda comune condivisa

Da diversi anni lavoriamo con organizzazioni dell’ONU, come il FISA, e donatori pubblici, come la Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC), per fornire un contributo agli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 (OSS). In qualità di rappresentante dell’economia privata, Bamboo Capital Partners mette a disposizione le sue competenze nell’ambito della creazione di nuovi sbocchi e di capitali d’investimento. E in qualità di investitore a impatto perseguiamo gli stessi obiettivi – in particolare gli OSS – come la DSC o altre organizzazioni donatrici pubbliche:lotta contro la povertà

  • creazione di posti di lavoro
  • uguaglianza di genere
  • agricoltura ecologica sostenibile
  • produzione alimentare rispettosa del clima

La DSC sostiene il FISA, il principale promotore del fondo, con un contributo unico di 9,3 milioni CHF quale partecipazione al Fondo ABC. Dal canto suo, il fondo fa affidamento sulle reti agricole e sui programmi regionali, globali e specifici per ciascun Paese gestiti dal FISO o da Bamboo Capital Partners e crea sinergie che permettono di incrementare l’impatto e l’efficienza del fondo.

Un contributo sostenibile con un grande potenziale per il futuro

Dal 2007, Bamboo Capital Partners ha investito in oltre 30 Paesi emergenti e mercati di frontiera, esercitando un’influenza positiva su 184 milioni di vite umane.
Emanuele Santi, gestore del Fondo ABC di Bamboo Capital Partners

Bamboo Capital Partners è una piattaforma d’investimento che offre soluzioni innovative di finanziamento per imprese nei mercati emergenti. Attraverso i nostri investimenti soddisfiamo le esigenze di gruppi della popolazione con reddito medio e basso, ottenendo così effetti duraturi. Colmiamo le lacune esistenti tra il finanziamento di base e il finanziamento della crescita attraverso una serie di opzioni di finanziamento – che spaziano dal capitale di terzi al capitale proprio – che attiviamo unilateralmente o attraverso partenariati strategici. Dal 2007 Bamboo Capital Partners ha investito in oltre 30 Paesi emergenti e mercati di frontiera, esercitando un’influenza positiva su 184 milioni di vite umane. Bamboo Capital Partners possiede conoscenze specialistiche uniche nel loro genere, che mirano a migliorare la vita delle comunità più marginalizzate del mondo e al contempo a generare entrate finanziarie.

Il Fondo ABC rappresenta un’importante possibilità di collaborazione per il settore pubblico e privato. Attraverso il fondo il settore pubblico mette a disposizione mezzi a favore dell’agricoltura dei piccoli agricoltori e delle PMI agrarie situate al di sotto del livello di mercato, permettendo così di ridurre il costo complessivo dei capitali e il rischio d’investimento, ma anche di attirare un maggior numero di investitori privati. Il denaro è investito in maniera sostenibile per aiutare persone e organizzazioni che altrimenti spesso, con i finanziamenti tradizionali, sono destinate a fallire. Combinare l’uso di risorse pubbliche con le conoscenze specifiche del settore privato presenta un potenziale anche per il futuro.

«Gli obiettivi della CI non possono essere raggiunti senza partenariati pubblico-privati di sviluppo»

La strategia della cooperazione internazionale (CI) della Svizzera attribuisce grande importanza al settore privato, che riveste un ruolo decisivo nella creazione di posti di lavoro e nello sviluppo sostenibile. È il motore economico che offre una via d’uscita dalla povertà. La forza innovatrice del settore privato, le sue conoscenze specifiche, i suoi canali di distribuzione, le sue possibilità d’investimento e il suo potenziale nel settore della formazione professionale sono importanti per la realizzazione della CI. L’esempio del FISA e del Fondo ABC mostra come la Svizzera promuova in modo efficace il settore privato locale nei Paesi in via di sviluppo. Christian Frutiger, capo del Settore Cooperazione globale della DSC, spiega in un’intervista ciò che la DSC e il suo Programma globale Sicurezza alimentare sperano di raggiungere con questa cooperazione:

 

 Ritratto di Christian Frutiger
Christian Frutiger, capo del Settore Cooperazione globale della DSC © Keystone
Quanto è importante per la DSC un’azienda come Bamboo Capital Partners?

La DSC si impegna a rafforzare e innovare la collaborazione tra il FISA e il settore privato. Il Fondo Agri-Business Capital Fund (ABC) è lo strumento «precursore» del FISA per attuare la nuova strategia sul settore privato di questa agenzia dell’ONU e per cooperare in modo efficiente con il settore privato.

Il Fondo ABC è stato creato dal FISA, sostenuto finanziariamente dalla Svizzera, dal Lussemburgo e dall’Unione europea ed è gestito da investitori a impatto professionali. Il Fondo ABC investe in piccole e medie imprese del settore agricolo, il cui fabbisogno di capitale è troppo grande per essere finanziato da istituti di microfinanza e troppo piccolo per il settore bancario commerciale. Ciò consente alle PMI locali di svilupparsi in forti aziende di medie dimensioni.

La gestione di un fondo così complesso richiede specifiche conoscenze finanziarie e di mercato. La collaborazione con Bamboo Capital Partners garantisce quindi una gestione professionale del Fondo ABC.

Quali sono gli obiettivi della DSC nel settore della sicurezza alimentare?

Nel 2019, 135 milioni di persone sono state colpite dall’acuta insicurezza alimentare, il numero più alto degli ultimi quattro anni.

Attraverso il Programma globale Sicurezza alimentare, la DSC contribuisce a migliorare le politiche internazionali e regionali in materia di sicurezza alimentare e di nutrizione, che spaziano dal diritto all’alimentazione fino ai diritti dei contadini. In questo campo sono fondamentali norme internazionali e innovazioni istituzionali e tecniche, che promuovono sistemi alimentari efficienti, sostenibili, agroecologici e resilienti. Concretamente, sulla base delle conoscenze della Svizzera e delle esperienze nella realizzazione di progetti della DSC, vengono promossi la ricerca agricola internazionale, lo scambio di nuove tecnologie, gli investimenti responsabili e la biodiversità agricola.

Oltre al suo contributo al Fondo ABC, la DSC si impegna a rafforzare la sicurezza alimentare, promuove metodi di coltivazione ecologicamente sostenibili e crea reddito e occupazione per i piccoli agricoltori e la popolazione rurale.

Sarebbe possibile raggiungere gli obiettivi della CI senza l’aiuto di organizzazioni partner private?

Nel suo Piano d’azione di Addis Abeba del luglio 2015, la comunità internazionale ha dichiarato chiaramente che senza le competenze e il capitale del settore privato l’Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile non può essere realizzata.

Gli obiettivi della CI non possono quindi essere raggiunti senza partenariati pubblico-privati per lo sviluppo. Come richiesto da tempo dal Parlamento e dal Consiglio federale, la DSC si adopera maggiormente a stringere partenariati con il settore privato per raggiungere i suoi obiettivi.

Inizio pagina