Controllo sulle esportazioni di materiale bellico e di beni a dual use

Le esportazioni rappresentano uno dei pilastri su cui poggia l’economia elvetica. La Svizzera si impegna pertanto a favore dell’apertura dei mercati e del libero scambio. L’esportazione, l’importazione e il transito di determinate categorie di beni rimane tuttavia regolamentato. In queste categorie rientrano il materiale bellico, beni che possono essere utilizzati per la fabbricazione o la diffusione di armi di distruzione di massa e beni a duplice impiego (civile e militare), i cosiddetti prodotti dual-use.

L’economia svizzera si basa ampiamente sulle esportazioni. Per questo motivo la Svizzera si impegna generalmente a favore dell’apertura dei mercati e del libero scambio. La politica di esportazione del materiale bellico resta tuttavia restrittiva. L’esportazione di armi e armamenti,  così come di veicoli blindati e prodotti che possono essere impiegati sia a fini civili che militari, i cosiddetti beni dual-use, richiede un’autorizzazione rilasciata dalla Segreteria di Stato dell’economia (SECO). L’esportazione di beni che potrebbero essere utilizzati per la fabbricazione o la diffusione di armi di distruzione di massa è anch’essa soggetta a tale autorizzazione.

Il DFAE esprime il proprio parere sulle singole domande di autorizzazione e garantisce che la Svizzera rispetti gli impegni internazionali presi, i principi su cui basa la propria politica estera e le norme del diritto internazionale pubblico.