Un solo Mondo 4/2018

Serie Un solo mondo
Numero 4/2018
Mese 12
Anno di pubblicazione 2018
Prezzo gratuito
Un solo Mondo 4/2018
(PDF, 6.8 MB, Italiano)

Diritti umani sotto pressione / Benin: La storia di tre giovani pieni di entusiasmo e iniziativa / Tra aiuto e disimpegno: Quando ha senso cooperare con un regime autoritario?

DIRITTI UMANI

Una conquista rimessa in discussione
Adottati settant’anni fa, i diritti umani sono sempre più sotto pressione, sia nei Paesi del Sud sia in Europa

Nessuna risposta tecnica a problemi politici
La difesa e il rafforzamento dei diritti umani sono aspetti fondamentali delle attività della cooperazione allo sviluppo della DSC

«Qui uccidere talvolta è un semplice passatempo»
Intervista a Maria Soledad Pazo, direttrice dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani in Honduras

Guadagnarsi il rispetto riformando giustizia e sanità
A 23 anni dalla fine della guerra, la Bosnia ed Erzegovina è ancora uno Stato in transizione, incapace di garantire il rispetto dei diritti fondamentali

Fatti & cifre

 

ORIZZONTI

BENIN 

Nuovo spirito imprenditoriale in Benin
Nonostante le difficoltà, i giovani si lanciano con ottimismo e coraggio in attività imprenditoriali indipendenti

Sul campo con...
Charles Araba, responsabile risorse umane dell’Ufficio della cooperazione svizzera in Benin, descrive la sua quotidianità a Cotonou

Jean il folle, Jean il saggio
Il giornalista Georges Amlon traccia un commovente ritratto del suo mentore, morto a causa di un errore medico

DSC

Un barlume di speranza nella Striscia di Gaza
Da quasi trent’anni, una ONG sostiene bambini, giovani e madri, offrendo loro luoghi di aggregazione e crescita

Orti urbani per combattere la fame
Nella capitale del Sudan del Sud, molte famiglie coltivano in città verdura e frutta per lottare contro la malnutrizione

FORUM

Tra aiuti e boicottaggi
La cooperazione allo sviluppo in Stati autoritari è un delicato esercizio di equilibrismo

Le due facce di Facebook
Quali sono i pericoli e le opportunità dei social media nei Paesi in via di sviluppo

Venti minuti da incubo
Carta bianca: Shahrbanoo Sadat descrive il tratto di strada, tra carri armati ed elicotteri, che va percorso a piedi per raggiungere il centro del film a Kabul

Ordine