La Svizzera condanna l’escalation di violenza in Vicino Oriente

Berna, Comunicato stampa, 07.10.2015

Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) guarda con preoccupazione all’escalation di violenza tra Israeliani e Palestinesi che si è registrata nelle ultime settimane. Il DFAE ritiene che le violenze e le provocazioni perpetrate da entrambe le parti compromettano gli sforzi volti al rafforzamento della fiducia reciproca e le speranze di pace.

Alla luce degli ultimi avvenimenti, la Svizzera esorta tutte le parti ad astenersi dal compiere violenze, provocazioni o qualunque altro atto analogo che possa acuire ulteriormente l’attuale clima di tensione. La Svizzera esprime  il suo sincero cordoglio alle famiglie e ai parenti delle vittime recenti del confitto in Vicino Oriente ed è ancora convinta che una pace giusta e duratura debba fondarsi sulla soluzione dei due Stati, nati da un processo negoziale. La Svizzera invita israeliani e palestinesi a rispettare le norme del diritto internazionale, a unire le proprie forze per garantire pace e sicurezza alle popolazioni coinvolte e a lavorare, a tal fine, con la comunità internazionale per la ripresa dei negoziati di pace.

La Svizzera intende continuare a impegnarsi attraverso aiuti umanitari e programmi di sviluppo, il rafforzamento del diritto internazionale e misure volte a promuovere la pace per garantire la protezione della popolazione, il dialogo tra tutte le parti coinvolte e la ripresa dei negoziati di pace sulla base di parametri chiari. 


Indirizzo per domande:

Informazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: +41 58 462 31 53
Fax: +41 58 464 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri