Diplomazia

Stretta di mano con simbolo accordo sopra la croce svizzera al Parlamento.
Il Corpo diplomatico rappresenta gli interessi politici, economici, culturali e militari del proprio Paese nello Stato ospite. © DFAE, Presenza Svizzera

In Svizzera le diplomatiche e i diplomatici esteri sono di stanza a Berna e a Ginevra. Per tradizione, a capo del Corpo diplomatico vi è il rappresentante della Santa Sede.

Il Corpo diplomatico è l’insieme del personale diplomatico inviato in uno Stato in rappresentanza del Paese di provenienza. Il Decano ha il compito di presiederlo e in Svizzera questo ruolo è sempre svolto dal Nunzio Apostolico, il rappresentante della Santa Sede.

I diplomatici e le diplomatiche difendono nello Stato ospite gli interessi politici, economici, militari e culturali del loro Paese di origine. Inoltre fanno valere gli interessi del proprio Stato dinanzi alle organizzazioni internazionali e anche all’interno delle medesime.

Tutela degli interessi

Circa 170 Paesi hanno accreditato un ambasciatore o un’ambasciatrice presso il Consiglio federale. La metà delle rappresentanze ha la propria sede a Berna, mentre circa un quarto si trovano a Ginevra poiché i rispettivi capi dirigono anche le missioni permanenti. Questi ultimi godono di un doppio accredito: presso il Consiglio federale svizzero e presso l’ONU.
Circa un quarto degli ambasciatori e ambasciatrici accreditati in Svizzera dirige una missione diplomatica la cui sede si trova all’estero. La Convenzione di Vienna del 1961 sulle relazioni diplomatiche disciplina lo statuto particolare dei diplomatici e delle diplomatiche.

Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche 

La diplomazia bilaterale intercorre tra due Stati, mentre nell’ambito di quella multilaterale i/le rappresentanti di più Stati lavorano per giungere a una soluzione comune, come nel caso dell’ONU.

Cerimonia per la presentazione degli auguri di Capodanno

Conformemente al Regolamento protocollare della Confederazione, a metà gennaio il Nunzio Apostolico – nella sua veste di Decano del Corpo diplomatico – presenta al presidente o alla presidente della Confederazione gli auguri per il nuovo anno a Palazzo federale. Il presidente o la presidente della Confederazione ricambia gli auguri a nome del Consiglio federale in un’allocuzione indirizzata al Corpo diplomatico accreditato in Svizzera.

Alla cerimonia partecipano ambasciatori e ambasciatrici, incaricati e incaricate di affari, i o le presidenti del Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati, i o le presidenti delle Commissioni della politica estera e il capo del DFAE. Prima il Governo svizzero riceve gli auguri delle autorità bernesi (Cantone, Città e patriziato).

Allocuzioni di Capodanno, Il Consiglio federale