Disarmo e non proliferazione

La politica svizzera di controllo degli armamenti e di disarmo persegue l’obiettivo di portare sia la sicurezza nazionale che internazionale a un livello mondiale d’armamento il più basso possibile. La Svizzera s’impegna a livello internazionale affinché in particolare le armi di distruzione di massa non si diffondano ulteriormente (non proliferazione) e vengano eliminate completamente (disarmo).

La politica di sicurezza elvetica mira a un rafforzamento della reciproca fiducia tra gli Stati. In questo senso la Svizzera aspira a controlli degli armamenti e a programmi di disarmo verificabili e che non discriminino singoli Stati o attori. In sostanza, per la Svizzera accordi di diritto internazionale vincolanti e universali hanno la precedenza su semplici intese politicamente vincolanti e provvedimenti unilaterali.

La Svizzera partecipa attivamente ai lavori di organi multilaterali, che s’impegnano per il controllo degli armamenti e il disarmo:

  • 1. Commissione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite (ONU)
  • Conferenza di Ginevra sul disarmo (Svizzera membro dal 1996)
  • Commissione sul disarmo dell’ONU
  • Trattato di non proliferazione nucleare
  • Trattato d’interdizione completa degli esperimenti nucleari
  • Agenzia internazionale dell’energia atomica
  • Gruppo dei paesi fornitori nucleari
  • Organizzazione per il divieto delle armi chimiche
  • Gruppo Australia
  • Regime di controllo della tecnologia relativa ai missili
  • Intesa di Wassenaar
  • Misure miranti a rafforzare la fiducia e la sicurezza dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) 

La Svizzera persegue una politica restrittiva d’esportazione di armi e partecipa al registro delle armi dell’ONU, che dovrebbe introdurre la trasparenza.

Anche lo stesso Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) realizza progetti di disarmo internazionale. Un esempio è il contributo alla distruzione delle armi chimiche in Russia. Ciò avviene nell’ambito del partenariato globale del G8 contro l’estensione di armi di distruzione di massa.

Link

Documenti

Analisi del trattato sulla proibizione delle armi nucleari, Rapporto 2018 (PDF, 98.6 kB, Italiano)

 

Ginevra, 26.02.2018 - Allocuzione del consigliere federale Ignazio Cassis alla conferenza sul disarmo

Rapporto sulla politica di disarmo del Consiglio federale 2017 (PDF, Numero pagine 49, 876.0 kB, Italiano)

Rapporto sulla politica di disarmo del Consiglio federale 2012 (PDF, Numero pagine 37, 506.0 kB, Italiano)

Rapporto sulla politica di disarmo del Consiglio federale 2008 (PDF, 590.3 kB, Francese)

Convenzione sulle munizioni a grappolo: Rapporto sui risultati della procedura di consultazione (PDF, Numero pagine 9, 177.5 kB, Italiano)

 

Message relatif à l’approbation de la Convention sur les armes à sous-munitions ainsi qu’à la modification de la loi sur le matériel de guerre (fr)  (PDF, Numero pagine 53, 752.1 kB, Francese)

8e Conférence d’Examen des Etats Parties au Traité sur la non-prolifération des armes nucléaires (TNP) (fr) (PDF, Numero pagine 5, 38.9 kB, Francese)

 

Trattato di non proliferazione nucleare (PDF, Numero pagine 22, 531.0 kB)

 

Convenzione sul divieto delle armi biologiche (fr) (PDF, Numero pagine 12, 171.2 kB)

 

Convenzione sul divieto delle armi chimiche  (PDF, 822.1 kB)

 

Trattato sul divieto degli esperimenti nucleari (en) (PDF, Numero pagine 191, 272.6 kB) 

Stazione svizzera di misurazione per il controllo del divieto degli esperimenti nucleari Davox (PDF, 1.1 MB)

 

Contributo svizzero alla distruzione delle armi chimiche in Russia (fr) (PDF, 339.5 kB)